Consigli per il successo

La legge di stabilità 2019 punta alle giovani eccellenze

I datori di lavoro che nel 2019 assumeranno a tempo indeterminato (anche part-time) o trasformeranno a tempo indeterminato giovani laureati o in possesso di un dottorato di ricerca, potranno beneficiare del nuovo Bonus occupazionale per giovani eccellenze previsto dalla legge di Bilancio 2019. Il nuovo beneficio introdotto prevede lo sgravio totale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, entro il limite massimo di 8 mila euro per ogni assunzione effettuata e per la durata massima di 12 mesi a decorrere dalla data di assunzione.

LA LEGGE DI STABILITÁ 2019 PUNTA ALLE GIOVANI ECCELLENZE

Quali sono i requisiti che devono avere i lavoratori assunti per rientrare nella platea del Bonus Occupazionale?

I lavoratori assunti a tempo indeterminato tra l’1 Gennaio 2019 e il 31 Dicembre 2019 che consentono l’accesso al beneficio sono:

  1. giovani in possesso della laurea magistrale, ottenuta nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 con la votazione di 110 e lode e con una media ponderata di almeno 108/110, entro la durata legale del corso di studi e prima del compimento del trentesimo anno di età, in università statali o non statali legalmente riconosciute;
  2. giovani in possesso di un dottorato di ricerca, ottenuto nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 e prima del compimento del trentaquattresimo anno di età, in università statali o non statali legalmente riconosciute.

È richiesto un duplice requisito temporale: il primo relativo al periodo in cui l’assunzione deve essere effettuata (nell’anno 2019), il secondo che si riferisce al conseguimento del titolo richiesto (dal 1° gennaio 2018 al 30 giugno 2019).

Oltre al requisito temporale si aggiunge quello anagrafico: il titolo di studio deve essere stato conseguito prima del compimento dei 30 anni per i laureati magistrali, 34 anni in caso di possesso del dottorato di ricerca.

Le modalità applicative per l’utilizzo dello sgravio saranno indicate in un’apposita circolare INPS che sarà emessa nei prossimi mesi.

Le risorse per il finanziamento dell’incentivo sono a carico del programma operativo nazionale “Sistemi di politiche attive per l’occupazione” ed è previsto che l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL) renda tempestivamente disponibili le predette risorse al fine di determinare la data di effettivo avvio delle agevolazioni. La norma prevede, inoltre che le Regioni possono integrare le risorse per il finanziamento dell’incentivo.